Dato l’ok all’abbattimento dell’orso bruno in Slovenia


Fare i soldi sulla pelle dell’orso bruno

L’orso bruno è una specie protetta all’interno dell’Unione europea, ma nonostante questo in Slovenia la caccia è consentita ed è stato dato l’ok all’abbattimento dell’orso bruno. Lo scorso anno era stata autorizzata la caccia a 93 orsi, quest’anno si parla addirittura di ucciderne 200!

Un business lucroso

La verità è che la caccia agli orsi costituisce un vero e proprio business. In Slovenia, come in altri Paesi balcanici, il turismo venatorio rappresenta un settore economico molto importante e, purtroppo, proficuo. In questo paese ogni anno avviene un vero e proprio massacro: qui i cacciatori uccidono 35mila caprioli, 8mila cervi e 10mila cinghiali. Il permessi di caccia per un orso di piccola taglia si aggira attorno ai mille euro. Quello per un animale più grande, «da trofeo», può arrivare a diverse migliaia di euro. Numeri sicuramente alti e allettanti.

Per il momento, il massacro è stato bloccato da un’associazione ecologista – Alpe Adria Green – che ha fatto ricorso al tribunale amministrativo ottenendo una «sospensiva». L’associazione slovena degli agricoltori è pronta a fare causa allo Stato se il decreto sulle uccisioni sarà annullato definitivamente «per non aver ottemperato alle norme relative al controllo della popolazione degli animali feroci».

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!

X