Guardie del Wwf: droni per difendere i lupi


Lupi: una delle specie più in pericolo a causa di bracconaggio e incidenti stradali

Le guardie volontarie del Wwf sono state recentemente dotate di droni per difendere i lupi. Il lupo è una delle specie più in pericolo a causa di: bracconaggio, incidenti stradali e richieste di abbattimenti legali. Nel 2017 il Wwf Italia aveva lanciato una campagna di sensibilizzazione,“Sos Natura d’Italia”, proprio per sostenere la difesa del lupo. Durante di essa sono stati raccolti 63.000,30 euro. La raccolta fondi ha permesso di acquistare vari strumenti funzionali, tra cui due droni, per prevenire i pericoli per gli animali.

Wwf: guardie dotate di droni per difendere i lupi

Di questi, 36mila euro sono stati utilizzati per l’acquisto di attrezzature utili alla riduzione del bracconaggio e delle morti accidentali, mentre 10mila sono stati spesi per dotare le guardie dei due droni. Queste attrezzature permetteranno di monitorare zone ampie e poco accessibili, in modo da poter identificare atti illegali, auto sospette e bracconieri direttamente tramite le immagini registrate dai droni.

La notte è il momento della giornata in cui agiscono i bracconieri. Grazie alle termocamere a infrarossi, le guardie Wwf potranno monitorare la situazione notturna. Questo metodo è stato già utilizzato in Africa contro il bracconaggio di elefanti e rinoceronti. Proprio i droni hanno dato un grande contributo alla salvaguardia e alla prevenzione dei pericoli di questi animali. Con questi strumenti le guardie saranno in grado di agire su tutto il territorio nazionale.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!