Toelettare il nostro coniglietto: non solo estetica ma un buon modo per curare la sua salute


Coniglietti: il modo giusto per badare alla sua salute

Che si tratti di un Ariete, un Nano olandese o di un coniglio di grossa taglia la questione non cambia: i nostri piccoli roditori vanno sempre curati con attenzione! Subito dopo aver aperto: gli occhi, dopo la notte o il riposino, inizia a ripulirsi con cura, da solo con la collaborazione dei suoi simili. Si lecca le zampine, si sfrega il muso e la testa, si mordicchia e si lecca la pancia.

Bagno si o bagno no?

Questa è una domanda che in tanti si pongono: il bagnetto è necessario o no? La risposta è si, ma solo ogni tanto. Evitiamo di farlo spesso, i bagni troppo frequenti possono seccare la pelle e causare prurito. L’acqua dovrà essere tiepida, non calda. Asciughiamolo bene ma mai usare il phon potrebbe spavertarlo o scottarlo.

Pulizia necessaria, ma anche un po’ di relax non guasta

I coniglietti sanno badare alla propria pulizia ma una spazzolata ogni due o tre giorni è un gran sollievo per loro! I conigli amano farsi pettinare e lo spazzolamento è per loro un momento di relax. L’importante è usare una spazzola morbida o specifica per loro.

Le unghie teniamole corte: occhio alle ferite

Le “unghiette” dei conigli sono a crescita continua, normalmente vengono continuamente usurate dal “grattare” sui tronchi, ma in casa è diverso. È compito del padrone accorciarle ogni due o quattro settimane, perchè? Unghie troppo lunghe possono causare ferite a loro e a noi. Non è difficile basta usare tronchesine per mici o roditori, ma attenzione per: all’attaccatura c’è una venuzza rossa che no va mai toccata, vi consigliamo di tagliare a pochissima distanza dalla punta, per non correre rischi.

Questo e tante altre curiosità nel nuovo numero 163 di Amici di Casa presto in edicola e online cliccando qui
Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!