Amstaff: deve sentirsi un componente della famiglia


Amstaff come un vero componente della famiglia

Per quanto “tosto” nel fisico e, non di rado, nel carattere, l’Amstaff è un cane e come tale non tollera la vita solitaria.

Abbandonarlo in giardino è un errore da non commettere, anche perché in famiglia questo cane dà il meglio di sé: giocherellone e partecipe, sa diventare un membro a tutti gli effetti della sua struttura sociale alla quale dona tutto se stesso, perché l’Amstaff è prima di ogni altra cosa un generoso.
Lo è negli affetti e lo è nella pratica: se c’è qualcosa da fare insieme alla sua famiglia, la farà con il massimo impegno possibile e, spesso, troverà anche il modo di far divertire tutti quanti perché ha un notevole senso dell’umorismo e ama il buonumore. Inoltre, la vita in famiglia gli consentirà di apprendere i comportamenti sociali corretti, che trasferirà anche alle relazioni con gli estranei, mentre la solitudine favorirà il distacco, la territorialità accentuata e la desocializzazione, tutti fattori assai negativi per chiunque voglia un cane capace di vivere serenamente nel nostro complesso mondo.

Tante attività da fare insieme

Con il fisico che si ritrova, un cane come questo può fare praticamente tutto e, a livello sportivo, sia le attività altamente dinamiche sia quelle basate sull’olfatto possono essere davvero entusiasmanti, per lui e per il conduttore. Dunque, se non ci sono problemi di salute, Agility e Disc Dog sono decisamente adatte, avendo cura però di insegnare per tempo un buon “lascia” per la seconda…altrimenti diventa difficile farsi riconsegnare i frisbee! Piste e ricerche  di ogni genere sono altrettanto alla sua portata, considerato anche che ha un buon naso e che questo lavoro favorisce molto concentrazione e autocontrollo, doti preziose per qualsiasi “bullo”. Forse un po’ più ostica l’Obedience, soprattutto nel lavoro a distanza che poco si confà, in genere, a cani molto legati al proprietario come questi. Ma non è detto e provare potrebbe invece regalare bellissime sorprese.
Ottima di sicuro la Rally, infine,che permette concentrazione, addestramento e relativo dinamismo insieme, lavorando sempre a brevissima distanza o a contatto.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!