Ascoli: uomo avvelena i cani del vicino con bocconi killer


Una lite da tempo: a esserne vittima è il cane

Due vicini in lite da tempo. Uno dei due evidentemente ha deciso di vendicarsi dell’altro in maniera molto subdola: avvelenando i cani del vicino con dei bocconcini killer. L’uomo di Ascoli è finito sotto processo per l’accusa di maltrattamenti di animali. I bocconi sono stati trovati nel balcone di una donna proprietaria di due cagnolini di piccola taglia. Uno dei quattro bocconi è stato addentato da un cagnolino che ne avrebbe subito le conseguenze subito.

Le polpette di carne messe nel balcone dal vicino di casa contenevano veleno per topi

A denunciare l’accaduto è stata la nipote della padrona del cane vittima dell’avvelenamento. La ragazza si è accorta che il vicino si stava appropinquando a mettere qualcosa di sospetto nel terrazzino della zia dove stavano i due cani. Le cose in questione erano dei bocconcini di carne e così si sono allarmati e rimosso le polpette, peccato che uno dei due cani aveva già addentato il boccone pieno di veleno, accusando immediatamente i sintomi dell’avvelenamento.

I bocconi sono stati portati all’Istituto zooprofilattico dove è stato accertato che le polpette di carne messe nel balcone dal vicino di casa contenevano veleno per topi. I cani fortunatamente stanno bene e non sembrano aver riportato danni talmente gravi da metterli in pericolo di vita. Per quanto riguarda l’uomo rimaniamo in attesa della pena che gli spetta.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!