Cucciolo randagio abbandonato: la polizia lo adotta e lo addestra come cane da fiuto


Cane randagio diventare un cane da fiuto della polizia dopo essere stato abbandonato

Un cucciolo randagio è destinato a diventare un cane della polizia due mesi dopo che è stato consegnato in un rifugio. L’animale di nome Raven è stato portato al Bristol Animal Rescue Centre da un signore che l’ha trovato per strada. 

Il suo comportamento è stato subito notato dallo staff del Rescue Center il quale si è reso conto che al cane piaceva giocare con le palline da tennis, si impegnava a cercarle e riportarle indietro

Lo staff ha quindi deciso di “presentare” il cucciolo alla polizia di Avon e Somerset come potenziale cane da fiuto. Le autorità hanno accettato Raven nel loro programma e da allora è stata adottata dall’addestratore di cani PC Lee Webb.

Webb insegnerà a Raven come rilevare droghe, armi da fuoco e denaro come parte del suo nuovo ruolo. Successivamente il cucciolo verrà introdotto insieme ad altri cani per completare il suo addestramento e infine sarà collocato in diversi ambienti, come le scuole. Sarà quindi valutata sulla sua performance entro la fine dell’anno.

Zita Polgar, comportamentista senior al Bristol Animal Rescue Centre, ha dichiarato: “L’ossessione di Raven per trovare e riportare la sua palla l’ha resa una contendente per diventare un cane poliziotto. Giocherebbe per ore e se la palla fosse persa, userebbe il suo olfatto per trovarla“.

La polizia adotta Raven immediatamente

Polgar ha rivelato che le forze di polizia hanno accettato Raven “quasi immediatamente” quando l’hanno proposta come cane da fiuto.

Siamo entusiasti del fatto che Raven avrà sia una casa stabile e che avrà un lavoro molto importante in città. È sorprendente come un cane randagio possa improvvisamente diventare una figura così importante fino a svolgere un enorme dovere civico. Siamo molto orgogliosi di lei“.

Lee ha detto che Raven si è sistemata bene a casa sua e si diverte a socializzare con altri cani: Mi segue ovunque, persino in bagno!” Ha aggiunto. “Una volta ambientata completamente, inizierò a portarla in posti sempre diversi per vedere come reagisce, soprattutto quando si tratta di recuperare e cercare una palla da tennis. Ama giocare e le prime prove sono andate molto bene“.

Fonte e immagine in evidenza via The Indipendent

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!