Curiosità: come è cambiato il Pastore Tedesco?


Una mutazione molto evidente: il Pastore Tedesco di ieri

L’aspetto del cane più famoso del mondo è cambiato profondamente rispetto alle origini. L’immagine d’epoca fu scattata da Max von Stephanitz, il “padre” del Pastore Tedesco. L’aspetto di una razza ci “parla” anche delle sue attitudini e, nel caso del Pastore Tedesco, osservando l’immagine antica, qualche perplessità sorge… il cane che von Stephanitz ha immortalato è molto più leggero e proporzionato del cane che conosciamo oggi.

Una mutazione molto evidente: il Pastore Tedesco di oggi

In effetti, nei primi decenni del Novecento, i Pastori Tedeschi erano classificati come cani di taglia media e il loro peso non arrivava a 30 chili. La stazza del soggetto odierno è molto diversa: mostra una struttura massiccia, testa piuttosto pesante e corpo raccolto per un peso che di certo supera di parecchio i 30 chili.

Dunque, nel corso di un secolo il Pastore Tedesco sembra aver guadagnato in massa e “pesantezza”, oltre che in inclinazione della groppa e angolatura degli arti. Un’evidente deviazione da un modello nato, in origine, per essere un cane adatto a ogni esigenza e di certo veloce e leggero.

Questa mutazione profonda non appare giustificata da ragioni pratiche, se non forse ottenere una presunta maggiore spinta per il balzo tipico degli “attacchi”, che con il peso maggiorato hanno un impatto più forte, e un trotto molto lungo e coprente, a scapito del galoppo che un tempo doveva essere assai rapido rispetto a oggi. E quelle angolature esasperate? Quanto la displasia stia falcidiando la razza è una triste realtà a tutti nota…

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!

X