Dalla LNDC arriva la proposta di petizione per una legge contro gli avvelenamenti degli animali


#maipiù – Petizione per una legge contro gli avvelenamenti

Il 10 dicembre si celebra come ogni anno la Giornata Internazionale per i Diritti Animali. Quest’anno la LNDC Animal Protection ha deciso di lanciare una petizione per una legge contro l’uso di esche e bocconi avvelenati che uccidono gli animali. Questa “usanza” criminale è sanzionata da un’Ordinanza del Ministero della Salute che da alcuni anni viene rinnovata ma che non basta ad arginare il problema. I casi di animali avvelenati sono sempre più frequenti e rappresentano una vera e propria piaga a livello nazionale.

Le violenze sugli animali sono purtroppo all’ordine del giorno”, ricorda Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection, “ma l’avvelenamento resta il modo più subdolo, vigliacco e crudele per uccidere.  L’animale, attirato dalla fame, mangia fiducioso il boccone che poi in realtà lo porterà a morire tra sofferenze davvero atroci e una lenta agonia. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’escalation di questo genere di uccisioni e abbiamo denunciato tantissimi casi in tutta Italia”.

Pensiamo sia necessario che lo Stato si doti finalmente di una legge nazionale che recepisca e rafforzi i contenuti dell’Ordinanza ministeriale attualmente in vigore e che stabilisca più efficaci sanzioni penali e amministrative, costituendo un vero deterrente per questo tipo di condotte. Allo stesso tempo, è opportuno che venga garantita una efficace tracciabilità di chi acquista tutti quei veleni facilmente reperibili sul mercato, come i topicidi e i lumachicidi, in modo da agevolare le indagini. Non è più possibile affidarsi a una semplice Ordinanza che da un momento all’altro potrebbe non essere più prorogata. L’abbandono di sostanze tossiche rappresenta un serio rischio anche per la popolazione umana, per i bambini, per l’ambiente e per la fauna”, commenta Michele Pezone – Responsabile LNDC Diritti Animali.

Abbiamo deciso quindi di avviare una petizione indirizzata al Parlamento e al Governo per dimostrare che questo argomento è sentito da tantissime persone e deve essere una priorità per difendere gli animali, l’ambiente e i cittadini. Grazie alle vostre firme potremo fare pressione affinché questo genere di comportamenti ricevano la giusta punizione e magari aprire la porta per pene più severe in generale. Nel frattempo, è importante che chiunque venga a conoscenza di un avvelenamento di animale, di sua proprietà o meno, sporga immediatamente denuncia presso le autorità competenti”, conclude Rosati.

Immagine in Evidenza via Comunicato Stampa Lega Nazionale per la Difesa del Cane

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!