I cani fiutano le malattie: quali sono?


Malattie che i cani possono rilevare

I cani fiutano le malattie. Ma è provato scientificamente o è solo frutto di una casualità? Queste sono le domande che si stanno ponendo diversi scienziati che stanno studiando lo straordinario olfatto dei cani.  In passato, sono stati tanti gli episodi in cui un cane, grazie al suo fiuto, sia riuscito a rilevare delle malattie a cui erano affetti i propri padroni. Vediamo insieme quali sono le malattie che fiutano i cani.

Malaria

La scorsa settimana i ricercatori hanno presentato prove che i cani, annusando le calze di qualcuno, potrebbero dirci che sono affette da malaria. Dopo diversi mesi di allenamento, un labrador e un esperto di labrador sono riusciti a capire se un bambino aveva questa malattia nonostante non mostrasse alcun sintomo.

Cancro alla prostata

Nel 2015, i ricercatori italiani hanno annunciato di aver addestrato due pastori tedeschi per rilevare sostanze chimiche legate al cancro alla prostata nei campioni di urina. I cani erano corretti nel 90% dei casi, mentre il test del sangue standard del PSA non è considerato abbastanza affidabile per lo screening. C’è uno studio in corso presso l’ospedale NHS di Milton Keynes che si propone di valutare le capacità dei cani in un contesto clinico normale.

Diabete

I cani sono già utilizzati dai diabetici per rilevare quando i loro livelli di zucchero nel sangue sono pericolosamente alti o bassi. Un ente di beneficenza chiamato Hypo Hounds addestra i cani ad annusare i cambiamenti delle voci sul respiro del loro proprietario o nel loro sudore.

Morbo di Parkinson

I ricercatori della Manchester University stanno cercando di addestrare i cani a rilevare la malattia di Parkinson anni prima che i sintomi emergano. Il lavoro è ispirato al lavoro di un “super-sniffer” umano che ha rilevato un cambiamento nell’odore del marito sei anni prima che gli venisse diagnosticato.

Cancro al seno

I cani vengono anche sottoposti a test, presso il servizio sanitario NHS di Buckinghamshire, per la loro capacità di rilevare il cancro al seno . Se i cani potessero rilevare questa forma di cancro dal respiro di una donna, ciò consentirebbe uno screening più frequente; attualmente, le donne sopra i 50 anni vengono sottoposte a screening solo una volta ogni tre anni a causa dell’esposizione alle radiazioni coinvolte.

Immagine in evidenza via www.theguardian.com

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!