Il cane può fare indigestione se esagera col cibo o mangia alimenti vietati per la sua dieta. Ecco come comportarci in questi casi.

21 Luglio 2022 di Redazione

Non capita spesso, ma se i nostri amici esagerano con il cibo o mangiano alimenti non adatti a loro, i disturbi a stomaco e intestino sono in agguato. Come comportarsi allora se il cane fa indigestione? Lo scopriamo insieme in questo articolo!

I sintomi

Lo stomaco e l’intestino del cane sono abituati a un certo tipo di dieta. Possono quindi subire spiacevoli conseguenze anche solo per piccoli quantitativi di cibo “umano” ricco di condimenti, amidi, grassi elaborati e cotti, zuccheri ecc. Lo stesso accade se, al posto della loro razione di cibo, ingurgitano in tutta fretta grandi boccate di crocchette lasciate incustodite.

Il primo sintomo in genere è il vomito, spesso seguito dalla ricerca di acqua che stimola lo stomaco, già provato, a contrarsi nuovamente per espellere il suo contenuto. Si stabilisce così un circolo vizioso che non avrebbe mai fine e che porta a consistenti perdite di liquidi e sali minerali, e la conseguente disidratazione. I cani si deprimono, molti avvertono mal di pancia e spesso subentra anche la diarrea. Un’altra comune conseguenza è la comparsa di sangue, in particolare se lo stimolo all’evacuazione è continuo.

Rimedi contro l’indigestione del cane

Di fronte all’indigestione è bene far sparire le ciotole dell’acqua e della pappa. Di solito questo è sufficiente per rallentare la motilità del tubo digerente ed evitare un peggioramento. Se il cane smette di vomitare, si può poi procedere a una dieta idrica per almeno 24 ore, in attesa di osservare gli sviluppi. Altrimenti, ci si deve rivolgere subito al veterinario, che metterà a punto un trattamento disintossicante di sostegno a base di soluzioni reidratanti e farmaci anti-vomito.

Se la situazione lo richiede, potrebbe essere necessario eseguire esami più approfonditi come analisi del sangue per la valutazione della funzionalità epatica e pancreatica, radiografie ed ecografie addominali, utili per comprendere meglio l’entità della situazione in atto. Non appena il cane sta meglio, è bene fargli seguire per alcuni giorni una dieta leggera, a patate lessate e carni bianche. Oppure alimenti preconfezionati indicati per i problemi gastroenterici. L’impiego di antibiotici, regolatori della motilità intestinale, protettori delle mucose del tubo digerente, fermenti lattici ecc, sono a discrezione del veterinario.

Se ti è interessato il contenuto di questo articolo, ti invitiamo a leggere anche Processionaria e cani: sintomi e terapia.

Lascia un commento