La storia della settimana: Luisa e Gigi


Uno dei regali più belli: arriva Gigi

Questa storia ci arriva da una delle nostre lettrici. La signora Luisa ci ha raccontato la storia di come ha conosciuto il suo cane Gigi.

Gigi un “caratteraccio” che ci ha conquistato

«Gigi mi è stato regalato il 20 dicembre 2010 per far compagnia a Bobo, .Fin dai primi 3 – 4 mesi ha manifestato di avere problemi con i conspecifici eccetto che con Bobo e i gatti di casa. Portandolo fuori manifestava ansia con uggiolii alla vista di qualsiasi cane: grande, piccolo, femmina, maschio…qualsiasi. All’inizio ho mal interpretato questi uggiolii pensando che volesse avvicinarsi agli altri per far amicizia, invece, una volta vicini urlava e scattava in avanti e indietro come per mordere e fuggire. Non ha mai morso nessuno. Realizzai che qualcosa non andava, In passato avevo avuto molti cani e nessuno aveva mai manifestato questi atteggiamenti, almeno non così giovane. Andai dal veterinario comportamentalista che diagnosticò Fobia vs conspecifici e ci diede da fare esercizi di autostima.

Poi lo ha seguito un’addestratrice cinofila Enci per 4 anni. Oggi la fobia di Gigi è tramutata in paura, quindi più gestibile tant’è che ha più amici maschi che femmine. Ovviamente come per tutti i cani bisogna avvicinarsi osservando le dinamiche giuste. Per me Gigi è un cagnolino incompreso da molte persone che non sanno leggere il linguaggio canino e mi rammarica quando sento dire che è un cane cattivo. Circa 1 anno fa abbiamo scoperto che era affetto da Pancreatite e adesso lo sto curando. Ma potete stare certi che nonostante tutti i problemi e nonostante il suo “caratteraccio” non lo cambierei mai per tutto l’oro del mondo».

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!