Morte di un cucciolo: cacciatore 59enne condannato a sei mesi


Un uomo di 59 anni condannato a sei mesi per maltrattamento animali

Un uomo di 59 anni, già presidente dell’associazione cacciatori veneti di Orgiano a Vicenza, è stato condannato a sei mesi per maltrattamento animali. Al 59 enne è stata riconosciuta l’aggravante delle morte di un cucciolo di Setter. L’uomo era accusato anche di aver violato la legge sulla caccia ma questo capo di imputazione è caduto in seguito alla prescrizione del reato.

Denunciato per il maltrattamento di 15 cani e 25 uccelli

I fatti contestati all’uomo risalgono al 2013, in seguito a un sopralluogo dell’Enpa, il 59enne era stato denunciato per il maltrattamento di 15 cani e 25 uccelli. I cani, abbandonati a loro stessi, erano detenuti all’interno di una struttura in condizioni di estremo degrado. Sono stati trovati legati a una catena talmente corta da impedire i più elementari movimenti. Una femmina di setter, da poco mamma, aveva visto morire uno dei suoi cuccioli perché, impossibilità a muoversi non aveva potuto prendersi cura del suo piccolo. Gli uccelli, poi, erano rinchiusi in gabbie anguste, in uno stabile buio, non ventilato e in condizioni igieniche molto precarie.

L’Ente Nazionale Protezione Animali ha partecipato come parte civile al processo contro il 59enne.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!