La razza perfetta per i bambini? Una razza che non esiste


La razza perfetta per i bambini? Tutte e nessuna

La frase l’abbiamo letta tutti almeno una volta, su libri, siti o riviste. “È la razza ideale per i bambini”. Il primo problema è che capita di leggerla riferita più o meno a tutti i cani. Il secondo è che si tratta di una solenne idiozia nella stragrande maggioranza dei casi. Chiunque abbia anche solo un minimo di esperienza cinofila seria sa perfettamente che nessuna razza è mai stata selezionata per essere particolarmente predisposta alla felice convivenza con una creatura come il cucciolo umano che, sotto diversi aspetti, è istintiva quanto un cane ma in modo totalmente diverso e, spesso, poco compatibile. Inoltre, alcune delle specializzazioni storiche più diffuse tra i cani sembrano fatte apposta per entrare in conflitto con i classici comportamenti infantili. Per esempio, un cane da pastore, per selezione, ha la tendenza a radunare e indirizzare ciò che si muove e lo fa utilizzando anche i denti, gli incisivi in genere, con i quali assesta “pinzate” correttive ai garretti degli animali. I bambini che corrono suscitano quasi sempre la medesima reazione, in questi cani. I cani da guardia e difesa sono istintivamente portati a reagire ai gesti bruschi e questa tendenza viene spesso esaltata anche tramite l’addestramento specifico. La gestualità di mani, braccia e gambe dei bambini piccoli ricorda da vicino quella degli specialisti che li addestrano. I cani da presa, come i popolari Amstaff e simili, non sono propensi a lasciare un oggetto che ritengono “proprio”  ma i bimbi sono spesso attratti dai loro giocattoli. Infine, tutti i cani, inclusi i più piccoli, hanno comportamenti istintivi che confliggono con quelli dei bambini, se entrambi non vengono istruiti in proposito. Dunque, la famosa razza “ideale per i bambini” semplicemente non esiste. Esiste invece, fortunatamente, la possibilità di scegliere il cane più adatto alla personalità dei nostri piccoli e di educare entrambi al reciproco rispetto e alla comprensione: questa è la vera “ricetta” per l’armonia.

Come valorizzare l’armonia tra cani e bambini

Un sereno rapporto tra cani e bambini non è automatico e va costruito con cura, ma un buon lavoro porta spesso a risultati meravigliosi che incidono positivamente persino sulla personalità futura dei nostri figli.  livello generale, cioè superficiale, imperano due luoghi comuni contrapposti: “i cani sono i migliori compagni di gioco dei bambini” e “i cani sono pericolosi per i bambini”. Quando si fanno considerazioni di ordine universale, spesso si sbaglia. Ciascun cane e ciascun bambino sono individui unici e irripetibili, per cui fare considerazioni di questo tipo non ha alcun senso. In secondo luogo, nella vita  raramente tutto è bianco o nero, dominano tante sfumature intermedie. Nel caso in questione, poi, moltissimo dipende da svariati fattori che è necessario conoscere e capire, per non commettere errori a volte gravi. Infatti, tra i bersagli preferiti dei morsi canini ci sono, al primo posto, proprio i bambini, per ragioni che esamineremo. Allo stesso tempo, anche se non se parla mai, tra le cause dell’abbandono dei cani ci sono spesso difficoltà di convivenza con i piccoli di casa. Dunque, per evitare di creare inutili sofferenze, è necessario riflettere bene sul rapporto tra i cani e i bambini per capire come costruirlo ed esaltarlo. Ne vale la pena, anche perché, ben impostato, questo rapporto può donare davvero tanto ai nostri figli. E anche ai nostri cani. Spetta a noi adulti occuparcene, perché siamo i soli responsabili degli uni e degli altri.

Per un approfondimento sul rapporto cani e bambini clicca qui 

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!