Segugio Italiano a pelo Forte


Tra i più diffusi cani da caccia italiani, si presenta nella varietà a pelo raso e a pelo forte. Se venissero messi insieme i dati dei libri genealogici di queste due varietà, la razza andrebbe ai primisimi posti dei cani più diffusi in Italia.

Cosa fa meglio

E’ un ottimo cane da seguita.

Malattie frequenti

Nessuna in particolare.

Cuccioli

Fatelo socializzare. Il Segugio Italiano può essere un ottimo cacciatore. In questo caso sarà bene avviarlo all’addestramento, prima di base e poi specifico, fin da quando è cucciolone. L’importante è comunque basare l’esercizio sempre sul gioco.

Caratteristiche

  • Taglia: Media
  • Pelo: Grande
  • Colori: Fulvo unicolore dal rosso fulvo carico al fulvo slavato e nero focato.
  • Costo nutrizione: Medio
  • Adatto ai bambini: Molto
  • Adatto allo sport: Molto

Origine

Ha origini egiziane? Le origini del segugio italiano sono antichissime e certamente si deve ricondurre il nostro segugio ai primitivi cani da corsa dell’antico Egitto portati poi sulle coste mediterranee dai commercianti fenici. Così questi antichi cani da corsa sono pervenuti anche in Italia. Si è avuto modo di constatare dall’esame di numerosi disegni egizi delle epoche faraoniche la presenza di cani nell’antico Egitto molto rassomiglianti al segugio attuale. Infatti in essi si nota anche la particolarità delle orecchie pendenti, indubbio segno dell’avanzata domesticità. Si può concludere dunque che l’antico cane da corsa, da non confondere con i levrieri, approdò in Italia dando origine al nostro attuale segugio, che si è conservato pressoché immutato nelle sue linee anatomiche generali.

Carattere

Grande cacciatore e riservato compagno. E’ usato e corrisponde perfettamente sia al monte che al piano e nei terreni più aspri. E’ fornito di resistenza, oltre che di buona velocità e lavora con impegno e passione sia isolato che in muta. Rispetto ai soggetti a pelo raso, è più riservato, meno esuberante, saggio, calmo e ponderato nel lavoro. Sguardo gentile, soave, ma fiero e velato da un alone di malinconia. Voce squillante e piacevolissima.

Scegliete bene l’alimentazione. Il Segugio Italiano non ha particolari esigenze in fatto di alimentazione. Sarà pertanto sufficiente usare del mangime di qualità fin da cucciolo.
Toelettatura non complessa. Una spazzolata settimanale è sufficiente a tenere in ordine il mantello.
Nome originale:
Segugio Italiano a Forte
Nazione:
Italia
Altezza garrese Maschio max:
60.0
Altezza garrese Maschio min:
52.0
Altezza garrese Femmina max:
58.0
Altezza garrese Femmina min:
50.0
Peso Maschio max:
28.0
Peso Maschio min:
20.0
Peso Femmina max:
26.0
Peso Femmina min:
18.0
Club Razza:
Società Italiana Pro Segugio
Mantello:
Il pelo è decisamente ruvido, fatta eccezione sulla testa sulle orecchie, sugli arti e sulla coda.
Coda:
La coda è inserita in alto sulla linea della groppa; si presenta più sostanziosa alla radice rispetto a quella del segugio a pelo raso, ricoperta di pelo in tutta la sua lunghezza, ma con assenza assoluta di frangia.
Caratteristiche:
L’altezza al garrese nei maschi varia da 52 a 60 cm; nelle femmine da 50 a 58 cm.
Standard:

La struttura morfologica è quella di un mesomorfo, il cui tronco sta nel quadrato; armonico rispetto al formato (eterometria) e disarmonico rispetto ai profili (alloidismo). La sua costruzione, bene equilibrata, di simmetria perfetta, di ossatura bene sviluppata con forme asciutte fornite di buoni muscoli e con assoluta assenza di grasso, lo rende capace di seguire la selvaggina dall’alba al tramonto.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *