Vaccinare il cane: una pratica fondamentale


Vaccinare il cane è un obbligo morale

La vita del cane è nelle mani del veterinario, quando pratica i vaccini: senza questa prevenzione il rischio che il nostro amico si ammali e magari muoia è alto. Vaccinare il cane contro le malattie più pericolose, spesso letali, è un obbligo morale e a volte anche legale. Un compito che ogni cinofilo deve assolvere se non vuole mettere a repentaglio la vita del suo amico con la coda.

Non sono molti i vaccini che è fondamentale fare ma la loro importanza è enorme. Alcune patologie sono davvero pericolose e il solo modo per prevenirle è attraverso i vaccini. Scopriamo quali sono quelli essenziali e se non abbiamo ancora vaccinato il nostro cane… di corsa dal veterinario!

Cosa è il vaccino e a cosa serve

Un vaccino è un prodotto farmacologico che avvia una reazione di immunizzazione nell’organismo verso una determinata malattia. Spesso viene “ricavato” dalla malattia stessa, prendendone le cause, cioè virus o batteri, indebolendoli al massimo e introducendoli nell’organismo che sviluppa anticorpi specifici per quell’agente patogeno, sconfiggendolo introdotto in forma non pericolosa.

Lo scopo è proprio questo: dotare il sistema immunitario di “armi” su misura per quel preciso tipo di malattia, di modo che entrando in contatto con la forma pericolosa del virus o del batterio, gli anticorpi lo riconoscano immediatamente e lo aggrediscano in modo mirato, impedendogli di proliferare e aggredire l’organismo.

Quali vaccinazioni fare al cane?

Esistono le vaccinazioni “core”, ovvero consigliate a tutti i soggetti. Nel cane si tratta della vaccinazione nei confronti di parvovirosi, epatite infettiva e cimurro, malattie spesso fatali quando vengono contratte in giovane età. Per questo motivo è opportuno che tutti i cuccioli vengano immunizzati e con più dosi di vaccino a distanza di circa 3-4 settimane l’una dall’altra.

È importante sapere che i cuccioli, soprattutto quelli nati in allevamento o da madri regolarmente vaccinate, ricevono una buona dose di anticorpi materni durante le prime poppate di latte. Questi anticorpi servono a proteggere il cucciolo nelle fasi iniziali di vita e interferiscono con le prime vaccinazioni, riducendone l’efficacia. È quindi basilare non interrompere troppo precocemente il protocollo vaccinale ed effettuare un ultimo richiamo a 16 settimane di età per non rischiare che il vaccino risulti inefficace.

Esistono poi le vaccinazioni “non-core”, ovvero opzionali, per esempio la vaccinazione della leptospirosi, grave patologia che colpisce principalmente fegato e reni del cane, provocata da batteri (leptospire) presenti nelle urine dei topi e in quelle di molti animali selvatici o roditori. Anche questa vaccinazione può essere intrapresa nei cuccioli, meglio se dopo le 12 settimane di età perché più frequentemente provoca reazioni avverse.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!