Gatti anziani… adottiamoli!


Addotta un nonno al “reparto geriatrico” del Gattile di Monza

Sono adorabili i gattini, vivacissimi, buffi, con un’energia apparentemente inesauribile e una curiosità che non conosce confini. Nessuna sorpresa, quindi, che la scelta di moltissime persone che vengono in gattile cada proprio su uno di loro.

Anche un micio maturo, però, ha tanto da dare. Anzi adottare un gatto anziano può offrire diversi “vantaggi” e in tanti casi può rivelarsi una scelta azzeccata. Il carattere è già formato e non ha bisogno di molte ore di gioco e di socializzazione, inoltre un nonno è più “saggio” e tranquillo, ed è capace di un affetto e una gratitudine illimitati. Non dimentichiamo, poi, che l’adozione di un gatto anziano è un bellissimo gesto di amore.

Sono considerati “maturi” i mici tra i 7 e gli 11 anni (l’equivalente in termini umani di 44/60 anni circa), “senior” tra gli 11 e i 14 anni (circa 60/72 in anni umani), e “geriatrici” dai 15 anni in su.

Il “reparto geriatrico” del Gattile di Monza

Al Gattile di Monza c’è uno reparto dedicato proprio ai nonni dove sono ospitati diversi mici anziani che aspettano da molto tempo una famiglia. Bisogna anzitutto assicurare un ambiente tranquillo, rassicurante e senza troppi cambiamenti, non facendo mai mancare una bella cuccia calda in un luogo appartato. Può avere qualche acciacco, per questo è meglio manipolarlo con delicatezza, la stessa che va usata quando viene  spazzolato.

A seconda delle sue condizioni di salute sarà necessario somministrare alimenti specifici (es. per insufficienza renale o per gatti senior, o cibo solo umido per gatti sdentati), e pianificare controlli semestrali dal veterinario di fiducia. Naturalmente occorre prestare particolare attenzione all’insorgere di potenziali problemi – quali cambiamenti nell’alimentazione o nel comportamento contattando il veterinario.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!