Cosa fare quando i nostri cani o i nostri gatti sono in dolce attesa?


Prima di parlare di gravidanza canina o felina, dobbiamo fare un preambolo importante: far riprodurre il nostro amico, cane o gatto che sia, è una scelta che ha molte implicazioni, etiche e di salute in primis.

Implicazioni etiche…

Parliamo di questioni etiche, perché canili e gattili sono stracolmi di povere creature nate per un capriccio dei proprietari dei loro genitori e poi “scaricate” in un rifugio, per tacere dei tantissimi cani e gatti neonati che finiscono nei cassonetti della spazzatura o vengono direttamente affogati alla nascita.

Problemi di salute…

Parliamo poi di problemi di salute perché l’accoppiamento di cani e gatti ha conseguenze sui piccoli anche da questo punto di vista, come sa benissimo chi alleva con professionalità e, proprio per questo, seleziona con cura i futuri genitori affinché siano il più possibile sani di corpo e anche di mente.

Dulcis in fundo, si fa per dire, chi non sterilizza il proprio cane o gatto lo espone al rischio elevato di sviluppare diverse patologie, alcune anche mortali (cancro, per intenderci), legate all’apparato genitale e agli ormoni deputati alla riproduzione. Ciò detto, passiamo pure alla gravidanza… Come dite? Vi è passata un po’ la voglia di far fare i piccoli al vostro amico con la coda? Bene, i rifugi sono pieni di cuccioli che aspettano solo qualcuno che li ami!

Nel momento in cui si decide di far accoppiare due cani o due gatti è necessario rispettare alcuni criteri, oltre ad aver già trovato in anticipo i futuri proprietari dei cuccioli, ovviamente.

Innanzitutto bisogna verificarne il completo stato di salute e accertarsi che abbiano l’età adatta per procreare (in generale, non prima dei 3 anni di vita e non dopo i 7 anni per la femmina, non prima dei 3 anni e non dopo gli 8 per il maschio).

L’accoppiamento

È importante anche farli incontrare prima dell’accoppiamento vero e proprio affinché si conoscano. Anche cani e gatti, infatti, hanno criteri di scelta del partner ed è importante rispettare le loro scelte.

Fissata la data dell’accoppiamento, ciò che bisogna fare è accertarsi che la femmina sia nel momento giusto della fase estrale e lasciarla sola, preferibilmente nel suo territorio, insieme al maschio. Durante questo periodo capiterà che i due si accoppino anche più volte al giorno! Ed è giusto lasciarli fare.

Non è scontato che la femmina resti incinta dopo l’accoppiamento: anche negli animali esiste il fenomeno della sterilità. In questo caso, si possono fare altri tentativi, anche con partner diversi. In altri casi, la gravidanza può iniziare, ma poi possono avvenire riassorbimenti embrionali o aborti, dovuti spesso a traumi o a un eccessivo stress psico-fisico. In Italia è consigliato, per le femmine, il vaccino contro l’herpesvirosi canina. Se invece, come si spera, tutto va a buon fine, inizia la gestazione.

Confermare la gravidanza

Tra i segnali più evidenti della gravidanza ci sono le mammelle gonfie e pronte a secernere il latte. Di solito appaiono dopo 4-5 settimane. La gravidanza di cani e gatti dura solitamente circa 9 settimane. Nei primi 30 giorni i cambiamenti sono quasi impercettibili, mentre dopo i 30 giorni lo status della femmina diviene palese e il suo corpo cambia costantemente. 

Per la conferma di gravidanza è necessario sentire il parere del veterinario, che con la palpazione addominale verificherà se l’utero è effettivamente aumentato di volume. A questa può seguire l’esame ecografico, che permette il riconoscimento dei nascituri già dopo 3-4 settimane di gestazione. Una seconda ecografia va effettuata intorno alla quinta-settima settimana dall’accoppiamento. Alla scadenza dell’ottava settimana, quando il momento del parto si avvicina, è opportuno fare una radiografia. Questo esame fornisce informazione circa il numero e lo stato dei nascituri.

Naturalmente – non ci stancheremo mai di ripeterlo – per evitare il terribile fenomeno dell’abbandono di cuccioli la cosa migliore da fare è trovare dei padroni già prima della loro nascita. Assicurarsi che i nuovi nati abbiano una casa prima ancora di venire al mondo è, di fatto, la prima regola da seguire se si vuole far intraprendere al nostro animale domestico una gravidanza.

Consigliamo inoltre di consultare il veterinario, quando il nostro cane o il nostro gatto è in dolce attesa. Una volta seguite tutte queste accortezze, il parto del nostro amico a quattro zampe sarà sicuramente magico!

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!