I gatti ipoallergenici sono ideali per chi soffre di allergia. Ecco quali sono le razze più indicate e le loro principali caratteristiche.

20 Novembre 2022 di Redazione

I gatti sono tra i nostri più fedeli “amici di casa”. Purtroppo, però, molte persone si trovano a dover rinunciare alla loro felice compagnia perché soffrono di allergia. Per fortuna, in natura esistono i gatti ipoallergenici: esemplari che producono un basso livello di Fel D1, il loro allergene principale.

In questo articolo vi sveliamo quali sono le razze con le più basse quantità di Fel D1 e le loro principali caratteristiche.

Cos’è l’allergene Fel D1?

Si tratta di una proteina prodotta dalla saliva e dalle ghiandole sebacee situate nella pelle di gatti e gattini. Quando entra a contatto con le nostre muscose, può provocare dei problemi per chi soffre di allergie come riniti acute e croniche, caratterizzate da starnuti e infiammazione della mucosa nasale; congiuntiviti con arrossamento oculare e lacrimazione fino a veri e propri attacchi asmatici.

gatti ipoallergenici

La sterilizzazione e la castrazione sono due fattori che portano alla riduzione della proteina Fel D1. Nei maschi castrati, in cui la produzione di testosterone, ormone che stimola la produzione di Fel D1, è molto bassa, provoca di conseguenza un abbassamento di livello di questa proteina. Ciò accade, nello stesso modo, nelle femmine sterilizzate che producono meno progesterone.

Gatti ipoallergenici: razze e caratteristiche

Prima di presentarveli, una precisazione: non esistono in natura gatti anallergici. Ogni gatto produce un determinato livello di Fel D1, semplicemente alcuni esemplari ne producono meno di altri. Per questo motivo è più corretto parlare di gatti ipoallergenici, dal latino “hypo” che significa appunto “meno”.

1. Il gatto Siberiano. Il folto pelo lungo non deve trarvi in inganno: il gatto Siberiano è il gatto ipoallergenico per eccellenza, essendo la razza che produce meno Fel D1 in assoluto. Il carattere docile, sensibile e giocoso lo rende il compagno di vita ideale per chi ha problemi di allergia.

Gatto Siberiano

2. Il Norvegese delle foreste. Di carattere più solitario rispetto al Siberiano, ma altrettanto maestoso e imponente, anche questo micio produce una quantità di allergeni molto bassa ed è particolarmente indicato per gli amanti di gatti soggetti a reazioni allergiche.

Gatto Norvegese delle foreste

3. Il Bengal. Per via del suo magnifico e caratteristico pelo leopardato è considerato uno dei gatti più belli al mondo. Questo fantastico micio condivide l’intelligenza e l’intuito dei grandi felini, ma è anche dotato di un’estrema sensibilità, rendendosi reattivo all’umore delle persone e degli altri animali che lo circondano. Anche lui produce un basso livello di allergeni.

Gatto Bengal

4. Il Blu di Russia. Si tratta di un gatto ipoallergenico a pelo corto il cui tratto distintivo è l’eleganza. Il temperamento mite, tranquillo e sornione gli consente di adattarsi perfettamente a una serena vita domestica.

Gatto Blu di Russia

5. Il Gatto Balinese. Anche questo bel micio rientra nella classifica dei gatti con una bassa percentuale di Fel D1. È molto amante della compagnia, affettuoso e fedelissimo al proprio padrone. Ideale per chi desidera creare un legame quasi simbiotico col proprio gatto.

Gatto Balinese

Se avete trovato interessante questo contenuto, vi invitiamo a leggere anche: Gatti arancioni: razze, caratteristiche e curiosità.

Lascia un commento