La “killer dei gatti” a processo il 14 maggio a Lecco. Enpa: saremo parte civile


A Lecco il processo per la killer dei gatti. Enpa: auspichiamo condanna esemplare

Inizierà martedì 14 maggio al Tribunale di Lecco il processo contro la “killer dei gatti” milanese residente a Lecco, accusata di aver ucciso 2 gatti e di averne maltrattato altri tre. La donna deve rispondere non solo dei reati di uccisione e maltrattamento di animali, ma, anche del reato di inosservanza dei provvedimenti dell’autorità (articolo 650 codice penale). La notizia è stata diffusa da Enpa. La sezione di Bergamo aveva denunciato la donna a luglio e il sindaco di Lecco con un’ordinanza le vietava di detenere animali. Provvedimento che non ha mai rispettato.

L’imputata era infatti solita far leva sulla buona fede degli affidatari per farsi dare in custodia animali che finivano per essere maltrattati o uccisi. Due le morti accertate: Stellina, che si ipotizza essere stata congelata in un freezer, e la gatta Stella, deceduta in seguito a percosse. Meglio (si fa per dire) è andata al gatto Damon e ad altri tre felini che, pur maltrattati, sono comunque riusciti a sopravvivere alle sevizie.

Ente Nazionale Protezione Animali si costituirà parte civile

Naturalmente l’Ente Nazionale Protezione Animali si costituirà parte civile. «A nostro avviso le prove raccolte a carico della 41enne sono schiaccianti. Naturalmente restiamo in attesa dell’esito del dibattimento, tuttavia – dichiara l’associazione – auspichiamo una condanna esemplare e che la donna non venga ammessa al beneficio delle attenuanti».

Fonte: Enpa.it

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!

X