La lotta agli allevamenti per la carne di cane non finisce con le Olimpiadi


La lotta contro gli allevamenti per la carne di cane in Corea del Sud non finisce con la chiusura dei giochi olimpici

La lotta contro gli allevamenti per la carne di cane in Corea del Sud non finisce con la chiusura dei giochi olimpici. Grazie all’intervento del freestyler statunitense Gus Kenworthy chiude una fattoria.

Questa lotta contro gli allevamenti per la carne di cane era iniziata con l’atleta canadese Megan Duhamel che aveva adottato il basotto Moo-tae strappandolo al suo sicuro e inesorabile destino. Il cane, di due anni, non è arrivato in Canada senza problemi: l’animale soffrirà per sempre per le sue zampe deformi causate dagli abusi subiti quando era ancora cucciolo.

Altri atleti poi si sono mossi contro questa pratica che è radicata nella cultura della Corea del Sud. Tra questi il freestyler Gus Kenworthy, con il suo compagno Matt, e con l’aiuto della Humane Society International si sono recati in uno dei tanti allevamenti per la carne di cane e sono riusciti a farlo chiudere. Lo stesso Gus ha raccontato sul suo profilo Instagram la vicenda.

Stamattina Matt e io abbiamo fatto una straziante visita a uno dei 17 mila allevamenti di cani della Corea del Sud. In tutto il paese ci sono 2,5 milioni di cani allevati per il cibo e in alcuni casi vengono tenuti in condizioni così inquietanti che è difficile da immaginare“. “Sì, c’è una discussione da fare sul perché mangiare i cani faccia parte della cultura coreana. E, anche se personalmente non sono d’accordo, penso che non è il mio posto per imporre gli ideali occidentali alla gente del posto. Il modo in cui questi animali vengono trattati, tuttavia, è completamente disumano e la cultura non dovrebbe mai essere un capro espiatorio per giustificare tale crudeltà. Mi è stato detto che i cani di questa particolare fattoria erano tenuti in “buone condizioni” rispetto ad altre fattorie. I cani qui sono malnutriti e maltrattati fisicamente, stipati in piccole gabbie coperte di filo spinato ed esposti al clima invernale gelido e alle condizioni estive roventi. Quando arriva il momento di ucciderne uno, viene fatto di fronte agli altri cani mediante elettrocuzione, a volte rimangono anche 20 minuti agonizzanti. Nonostante le convinzioni di alcuni, questi cani non sono diversi da quelli che chiamiamo animali a casa. Alcuni di loro erano persino animali domestici in una volta e sono stati rubati o trovati e venduti nel commercio di carne di cane”.

Fortunatamente questa fattoria particolare (grazie al duro lavoro della Humane Society International e alla cooperazione di un agricoltore che ha capito l’errore dei suoi modi) viene definitivamente chiusa e tutti i 90 cani qui saranno portati negli Stati Uniti e in Canada dove troveranno le loro case. Ho adottato il dolce cucciolo nella foto (l’abbiamo chiamata Beemo) e lei verrà negli Stati Uniti per vivere con me non appena avrà finito le sue vaccinazioni in un paio di settimane“.

Non vedo l’ora di darle la miglior vita possibile! Ci sono ancora milioni di cani qui che hanno bisogno di aiuto (come i cani da montagna dei Pirenei nell’altra foto che è stato davvero il cane più dolce di sempre). Spero di usare questa visita come un’opportunità per sensibilizzare alla disumanità del commercio della carne di cane e alla piaga dei cani ovunque, anche negli Stati Uniti, dove milioni di cani hanno bisogno di case amorevoli“.

 

Fonte.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!