Pitbull detenuto in condizioni disumane nel campo rom: intervengono i Militari


Pitbull ferito e segregato, intervento congiunto di Carabinieri e Guardie zoofile 

I Carabinieri di Novi e le Guardie Zoofile Oipa Modena sono intervenuti in un campo rom per salvare un cucciolo di pitbull di soli sette mesi detenuto in condizioni disumane da una donna sinti di trentanove anni.

Pitbull ferito e segregato: trasportato al canile di Carpi

I militari di Novi e i volontari delle Guardie eco-zoofile Oipa sono intervenute presso il campo nomadi della Bassa Modenese, a seguito di una segnalazione che denunciava la situazione drammatica di un cane costretto a vivere in condizioni terribili; i militari e le attiviste hanno in effetti rinvenuto un pitbull di soli sette mesi con ferite al collo causate da una catena di metallo che lo legava e lo costringeva a muoversi in pochi metri di spazio, senza protezione dalle intemperie e dal caldo soffocante di questi giorni. Il cucciolo è stato sequestrato e preso in consegna dalle Guardie che hanno poi proceduto al suo trasferimento presso il canile di Carpi per le cure necessarie. 

Denunciata la proprietaria per il reato di maltrattamento di animali.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!