Green Hill: assolti tutti gli animalisti


Salvare gli animali non è reato

Nel processo bis che è stato celebrato dopo l’annullamento della prima sentenza d’appello da parte della Cassazione, la Corte d’appello di Brescia ha assolto i dodici militanti animalisti che erano stati accusati di furto per aver liberato i Beagle dall’allevamento-lager di Green Hill (nella foto, uno dei momenti di quella giornata memorabile – fonte: Daring Daytime Dog Liberation), i cui responsabili sono stati condannati per il reato di maltrattamenti di animali, una vicenda che tutti ricordiamo di sicuro.

Gianluca Felicetti, presidente della Lega Anti Vivisezione che ha seguito da vicino tutta la vicenda supportando gli imputati dal punto di vista delle spese legali, ha dichiarato all’Ansa che si tratta di «una sentenza importantissima. Una pronuncia importante in una vicenda storica per i risvolti giudiziari che hanno accertato la colpevolezza dei vertici dell’allevamento con riferimento ai reati di uccisione e maltrattamento di animali. Se oggi Green Hill è chiuso per sempre, è anche grazie alla determinazione di questi 12 ragazzi: salvare gli animali non è reato».

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!