Foto incredibili che arrivano dal Botswana sembrano confermare un'improbabile teoria: le scimmie sanno fare la respirazione bocca a bocca!

16 Novembre 2020 di Ilaria Aceto

Le scimmie sanno praticare la respirazione bocca a bocca? Immagini incredibili, scattate dal fotografo naturalista William Steel, arrivano dal parco Gaborone (in Botswana) e ritraggono una scimmia, parte di un branco di cercopitechi, che ne soccorre un’altra facendole la respirazione bocca a bocca. La strabiliante storia è stata riportata da Il Messaggero, che ha cercato di ricostruire l’intera vicenda.

Pare che il fotografo, che si trovava nel parco proprio per osservare il branco di scimmie, all’improvviso abbia visto una femmina cadere al suolo come se fosse stata colpita da un malore. Senza pensarci due volte, l’uomo ha iniziato a scattare foto. Ricorda così la vicenda:

Inizialmente, quando la femmina era finita a terra, non riuscivo a capire cosa stava accadendo. Poi, quando ho visto arrivare i soccorsi, ho capito che probabilmente, quella femmina aveva inscenato tutto per attirare l’attenzione.

Nei primati, infatti, i legami tra gli individui del branco sono fondamentali, e garantiscono loro la sopravvivenza. Quando la femmina è caduta a terra, senza mostrare segni di vita, quello che con tutte le probabilità è il suo compagno è accorso sul luogo. Si è avvicinato e ha avvicinato la sua bocca a quella della femmina, come se volesse rianimarla.

Le scimmie sanno quindi praticare la respirazione bocca a bocca? Anche se la foto sembra provare di sì, le parole del fotografo William Steel che abbiamo riportato ci fanno sospettare che la femmina non avesse avuto alcun malore, ma semplicemente desiderasse attirare l’attenzione del compagno. Infatti, la scimmia prima di cadere a terra era assolutamente sana.

In ogni caso, non è raro che le scimmie tentino di soccorrere i membri del loro branco in difficoltà (anche se questa è la prima foto di una respirazione bocca a bocca), a testimonianza del profondo legame tra di loro. Ecco un altro esempio:

Lascia un commento