Scopri alcune curiosità sullo Shar Pei, il cane con le "rughe" che viene dalla Cina, particolare nell'aspetto quanto nel carattere.

6 Dicembre 2022 di Redazione

In questo articolo parliamo dello Shar Pei, un cane decisamente particolare, sia nell’aspetto sia nel carattere, e non adatto a tutti. La sua lunga e travagliata storia inizia millenni fa in Cina, e oggi ha una discreta popolarità nel nostro Paese, anche se per un certo periodo è stato classificato come “la razza più rara al mondo”. Conosciamolo meglio.

Shar Pei: il carattere

Il carattere dello Shar Pei è particolare: avendo un’indole molto fiera e una notevole forza di volontà, ha bisogno di un partner umano esperto e che sappia sia educarlo fin da cucciolo. Il padrone deve anche essere in grado farsi riconoscere come il punto di riferimento a cui rivolgersi prima che il cane prenda iniziativa. Questo perché, molto spesso, lo Shar Pei è diffidente verso gli estranei e tende ad allontanarli dalla sua famiglia, per proteggerla. E se lo sconosciuto non coglie il messaggio e lui non è stato correttamente educato, può passare alla pratica.

shar pei

Non per questo è un cane violento. Solo che la sua indole e la storia della sua selezione lo portano ad accettare pochissimi compromessi e ad affrontare a viso aperto le difficoltà. Ma se l’umano si rivela all’altezza, lo Shar Pei saprà compensare con una grande generosità d’animo e molto affetto, anche se con poche smancerie. Per questo si rivela il cane ideale per chi desidera al suo fianco un partner a quattro zampe leale ma discreto, presente e vigile quando occorre, ma sempre riservato. Inoltre, in età adulta è piuttosto tranquillo e quindi si adatta bene alla vita in appartamento.

Curiosità sulle “rughe”

La pelle dello Shar Pei è davvero particolare, con queste “rughe” a tratti buffe che ne modificano il profilo del corpo e della testa. Pare che la ragione pratica di questa pelle lassa sia dovuta al fatto che, se afferrato da un avversario in quei punti, allo Shar Pei resterebbe l’elasticità sufficiente della cute per girarsi e contrattaccare. Una caratteristica che potrebbe derivare dall’antica selezione per i combattimenti.

Ad ogni modo, di queste simpatiche e un tempo funzionali “rughe” dobbiamo averne cura. Mantenerle ben pulite è il primo step e ce lo insegna lo Shar Pei, che dedica parecchio impegno alla propria toelettatura. Ma il nostro contributo resta fondamentale.

rughe cane shar pei

Se poi il cane si bagna, dovremo asciugare con attenzione le zone rugose, altrimenti l’umidità, ristagnando, rischia di creare problemi alla pelle. Un’altra accortezza importante è che le rughe siano sempre contenute e che non infastidiscano mai la vista. Gli allevatori professionali lo sanno e hanno cura di selezionare i soggetti a questo scopo.

Quanto costa uno Shar Pei?

Un cucciolo di questa razza costa circa 500 euro. Difficile resistergli: se già da adulti catturano la nostra attenzione per le sembianze così peculiari, da cuccioli ce ne innamoreremo perdutamente, con tutte quelle adorabili pieghe. Crescendo, poi, le pieghe si “riempiranno” un po’ di più.

Se vuoi conoscere meglio questa particolare razza, ti invitiamo a leggere la nostra scheda dedicata alla razza dello Shar Pei.

Lascia un commento