Anestesia cane e gatto: tutto ciò che devi sapere


Anestesia cane e gatto: quando è necessaria e quali sono i rischi?

Sapere che il nostro cane o gatto deve sottoporsi all’anestesia generale è stressante, tuttavia comprendere il processo può aiutarti sia a sentirti più a tuo agio con la procedura sia a prenderti cura del tuo animale domestico.

Cos’è l’anestesia generale?

I veterinari definiscono l’anestesia generale come uno stato di incoscienza e mancanza di sensibilità in tutto il corpo indotta da medicinali per via endovenosa o inalazione. A differenza dell’anestesia locale o regionale, in cui la mancanza di sensibilità è delimitata solo in una parte del corpo senza alcun effetto sulla coscienza.

Quando è necessaria l’anestesia sul cane?

I veterinari usano l’anestesia generale sul cane o gatto in varie circostanze:

  • Quando una procedura può essere molto dolorosa
  • Quando un paziente deve essere perfettamente immobile
  • Quando una procedura può richiedere molto tempo
  • Quando il veterinario pensa che possano verificarsi delle complicazioni
  • Quando sedazione, anestesia locale o anestesia regionale non sono appropriate

L’anestesia generale sul cane o gatto può essere impiegata anche per ragioni più insolite, come per controllare delle convulsioni gravi. In questi casi, il veterinario deve spiegare perché i metodi più tradizionali non sono appropriati.

Anestesia e rischi: cosa dovresti sapere

Come nel caso di tutti gli interventi medici, l’anestesia non è completamente senza rischi. In rare occasioni, gli animali domestici possono non rispondere bene all’anestesia portando addirittura al decesso. Questo è uno dei motivi per cui l’anestesia generale è riservata a quei pazienti che ne hanno davvero bisogno.

I possibili effetti collaterali dell’anestesia sono:

  • Bassa pressione sanguigna, che può causare danni agli organi
  • Depressione respiratoria
  • Aritmie cardiache
  • Reazioni farmacologiche
  • Ipotermia o, più raramente, ipertermia
  • Polmonite da aspirazione

Tuttavia, i veterinari coscienziosi fanno di tutto per prevenire questo tipo di eventi avversi e sono pronti a gestirli rapidamente nel caso in cui insorgano.

Preparare il tuo animale domestico per l’anestesia

La preparazione è la chiave per prevenire i rischi dell’anestesia del cane o gatto. Ad esempio, la maggior parte degli animali domestici deve stare a digiuno per determinato periodo di tempo prima dell’anestesia. Ciò riduce le possibilità che vomitino o rigurgitino e inalino materiale nei loro polmoni, il che può portare a polmonite da aspirazione.

Un workup preanestetico viene utilizzato per identificare complicanze che potrebbero svilupparsi a seguito dell’anestesia e della procedura eseguita. I workup prinestetici comprendono:

  • Specie, razza, età e sesso di un paziente. Questo può influenzare le scelte di farmaci anestetici, il monitoraggio e altro. Ad esempio, i gatti sono ad alto rischio di laringospasmo (chiusura involontaria della laringe) durante il posizionamento di un tubo di respirazione, quindi i veterinari spesso posizionano alcune gocce di lidocaina sulla laringe prima dell’intubazione.
  • Lo stato di salute passato. Assicurati di informare il veterinario di eventuali cambiamenti di salute del tuo animale domestico e dei farmaci / integratori che gli hai dato.
  • Test diagnostici. Questa procedura determinerà quali test sono necessari. Ad esempio, un gatto giovane e sano potrebbe aver bisogno solo di un piccolo prelievo del sangue prima di un test di routine, mentre sarebbero necessari test diagnostici più avanzati per un cane sottoposto alla stessa procedura a causa di una grave infezione uterina.

Quanto riportato sopra è necessario per classificare un animale domestico all’interno di una “scala” che indica quanto e se è grave il rischio anestetico.

Cosa succede durante l’anestesia?

Una volta stabilito che è nell’interesse dell’animale procedere con l’anestesia e dopo che è stato sviluppato un piano anestetico, è tempo di procedere.

Gli antidolorifici, i sedativi e altri farmaci vengono spesso somministrati prima dell’anestesia per rendere l’intera procedura il più confortevole, a basso stress e sicura per il paziente. Quindi, viene inserito un catetere endovenoso.

Ciò facilita la somministrazione dei farmaci più comunemente usati per indurre l’anestesia. Se un animale domestico presenta un basso livello di ossigeno nel sangue, gli verrà somministrato dalla maschera prima dell’inizio dell’anestesia.

La maggior parte degli animali domestici diventa incosciente in pochi secondi dopo che i farmaci per induzione sono stati somministrati attraverso il catetere. I segni vitali sono monitorati continuamente durante il periodo anestetico e durante il recupero per garantire che l’animale stia bene. Un tecnico veterinario tiene un registro anestetico in modo che nulla venga trascurato.

Recupero dall’anestesia: cosa aspettarsi

Una volta terminata la procedura dell’animale domestico, il tecnico veterinario toglierà il paziente dai gas anestetici. Gli animali domestici vengono solitamente trasferiti in una gabbia ben imbottita in una zona di recupero silenziosa e poco illuminata dopo circa cinque minuti.

Quando l’animale è in grado di sollevare la testa e deglutire facilmente, il tubo endotracheale può essere rimosso. I cateteri vengono generalmente lasciati in posizione almeno fino a quando i pazienti non sono in grado di camminare da soli.

L’obiettivo è che i pazienti si riprendano con il minor dolore e ansia possibile, quindi viene dato ulteriore sollievo dal dolore e / o sedazione, se necessario. Il personale veterinario continua a controllare frequentemente gli animali mentre si riprendono dall’anestesia fino a quando non sono pronti per tornare a casa o tornare in un reparto “normale” all’interno dell’ospedale.

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!