Da domenica si apre la stagione della caccia. Enpa chiede l’intervento del Governo


Domenica si apre la stagione della caccia

Apre in tutta Italia, domenica 15 settembre, la stagione della caccia 2019/2020. Cinque mesi di spari che causeranno milioni di vittime tra le specie selvatiche. La caccia esige un pesante tributo per le vite umane.

C’è anche il triste fenomeno del bracconaggio, che uccide durante tutto l’anno contro ogni legalità. Insomma la vera minaccia alla sicurezza è legata alla presenza di persone armate nelle nostre campagne e non certo a lupi e di orsi.

Enpa chiede l’intervento del Governo

L’associazione Enpa chiede un forte intervento del Governo per garantire una tutela effettiva e concreta a tutti coloro i quali risiedono nelle zone di caccia:

«E’ necessaria un’azione di ampio respiro. Servono anzitutto controlli serrati sul territorio, per i quali lanciamo un accorato appello al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e al ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

L’Italia è il Paese del bracconaggio, tuttavia le sanzioni sono assolutamente irrisorie e inadeguate a contrastare il fenomeno. Basti pensare – prosegue l’Ente Nazionale Protezione Animali  che oggi chi danneggia un’automobile paga un prezzo più alto di chi uccide un orso. Noi invece chiediamo da tempo che i reati venatori siano considerati dal nostro Codice Penale come delitti, con pene molto più severe, tra cui la reclusione. Per questo chiediamo al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, di farsi promotore di iniziative in tal senso presso il governo».

Comunicato Stampa Ente Nazionale Protezione Animali

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!

X