I cani Akita vengono dal Giappone da cui hanno ereditato fascino e carattere. Scopri la loro storia e la oro indole.

1 Novembre 2022 di Redazione

I cani Akita sono esemplari decisamente speciali, anzi unici, da capire e amare. Ma attenzione a non sottovalutarli. Sono cacciatori coraggiosi, divenuti guardiani e anche combattenti in Giappone, dotati di un carattere molto risoluto e di forte autonomia decisionale. Gli Akita hanno le caratteristiche dei cani molto vicini al lupo, predatore “maturo” che non dipende dall’uomo ma si guadagna la sopravvivenza con i suoi notevoli mezzi. Andiamo alla scoperta del loro carattere e della loro indole.

Akita, lealtà a chi la merita

La commovente storia di Hachiko (che in realtà si chiamava Hachi, cioè “otto”) è nota a tutti gli amanti dei cani e, secondo gli estimatori della razza, la lealtà è una dote che l’Akita esprime spesso ai massimi livelli. Ma solo verso coloro che stima… e la stima di un Akita non si guadagna facilmente. Non ha un “padrone”, non ne ha bisogno. Ha bisogno, invece, di un partner che si dimostri all’altezza e che gli infonda quel rispetto che si porta a chi suscita ammirazione.

Dunque, un essere umano molto intelligente, sensibile, con una buona preparazione cinofila, che conosca l’indole fiera del suo Akita e sappia trovare il modo di capirla e accettarla, assecondandola quando possibile e ponendo un freno se necessario. Una figura non comunissima, in realtà. Ma neppure l’Akita, compagno dei samurai, è un cane qualsiasi…

L’Akita va educato presto

L’Akita è un tipo di cane che, crescendo, dimostrerà sempre più autonomia decisionale e personalità, e in molti casi anche un notevole istinto di caccia verso altri animali, inclusi i cani di piccola taglia. Ecco perché è saggio portare al più presto il cucciolo in un centro cinofilo di buon livello per un serio corso di educazione, che fornisca gli strumenti corretti per farsi ascoltare e rispettare.

In questo modo, il piccolo Akita avrà anche occasione di interagire correttamente con gli altri cani, di ogni genere ed età. Il tutto durante la fase della sua vita ideale per formarne il carattere in modo corretto. È questa la chiave giusta per avere accanto un Akita gestibile e relativamente ubbidiente. Relativamente perché, come spiegato, si tratta comunque di un cane dotato di notevole spirito d’iniziativa che gli appartiene per storia e selezione. In poche parole, è difficile che diventi un “soldatino”.

Quale sport per i cani Akita?

Questo bel cane è forte, veloce, intelligente e prestante. Ed era una razza da lavoro, lavoro duro. Ecco perché un Akita non vive serenamente nell’ozio. Ha tanta energia fisica e mentale da sfogare e, per consentirglielo, è essenziale dedicarsi con lui ad attività adeguate. Era un notevole cacciatore e ha un ottimo olfatto, dunque le attività di pista e di ricerca olfattiva sono perfette per lui.

Poi, atletico com’è, l’Agility può essere una bella scelta, purché si sia lavorato molto bene sulla sua educazione in giovane età. Anche il Disc Dog può piacergli molto, visto il predatorio notevole che lo caratterizza, e può essere un modo intelligente per levargli il “vizio” di dare la caccia a gatti e altri piccoli animali, incanalando la sua inclinazione venatoria verso un oggetto inanimato che, però, “vola”, rotola e diventa irresistibile. La scelta ideale? Tutte e tre le attività, così si evita anche il rischio di diventare monotoni.

Vuoi conoscere di più su questa bellissima razza? Ti invitiamo a visitare la scheda dedicata alla razza Akita.

Lascia un commento