Scopri perché il Bouledogue Francese è uno dei cani più amati nel nostro Paese e nel mondo, scelto anche da tantissimi VIP!

9 Gennaio 2023 di Redazione

Il Bouledogue Francese è uno dei più apprezzati cani da compagnia, in Italia e nel mondo, dove la razza ha avuto una rapida diffusione negli ultimi anni. Ecco quali sono le sue qualità e perché piace così tanto.

Bouledogue Francese, perché piace tanto?

Sempre più persone scelgono il Bouledogue Francese come partner di vita, ma qual è la vera chiave del successo di questa razza? Oltre all’espressione indubbiamente simpatica, anche la taglia è ideale per molti: non è mini ma neanche di media grandezza, quindi non dà l’idea di essere troppo fragile e d’altro canto è “comodo” a livello di gestione.

E poi c’è il carattere, versatile, dolce ed estremamente affettuoso. Si tratta di un cane vivace e intraprendente, divertente compagno di giochi e di passeggiate ma anche capace di donare tantissimo amore al suo nucleo famigliare. Infine, la struttura corporea da molosso gli impone una camminata da “duro” che contrasta con tutto il resto, fornendo anche l’aspetto “buffo” che inconsciamente molti di noi cercano nel cane.

E con i bambini e gli anziani?

Per chi si domandasse se questo cane è adatto ai bambini e agli anziani, la risposta è assolutamente sì per via della sua forte carica affettiva. Ma questo fantastico cane da compagnia sa sorprendere anche per le sue doti efficaci nel fare la guardia: seppur sempre molto discreto, sa avvisare con decisione e prontezza appena percepisce un pericolo in avvicinamento.

I Bouledogue Francesi dei Vip

Lady Gaga, i coniugi Beckham e l’attore Jamie Foxx sono solo alcuni dei vip che nel mondo hanno scelto questi cani da compagnia. In Italia, poi, abbiamo Matilda Ferragni, il Bouledogue Francese di Chiara Ferragni che è la pet influencer più seguita sui social: su Instagram conta infatti quasi 400 mila follower. Questo ha contribuito a una diffusione sempre maggiore della razza.

A caccia di topi

Molto probabilmente il Bouledogue che conosciamo oggi è il prodotto anche di incroci successivi a quello iniziale, in particolare con il Carlino. E anche se oggi è un apprezzato cane da compagnia, le sue origini sono tutt’altro che “da salotto”, essendo stato selezionato nei quartieri popolari di Parigi intorno all’anno 1880 come cacciatore di topi, prezioso compagno di scaricatori dei mercati generali parigini, di macellai e di stallieri. Ma presto, complice il suo carattere gioioso e affettuoso, è riuscito a conquistare anche l’alta società e il mondo degli artisti, e nel corso dei decenni è divenuto un cane amato un po’ ovunque, Italia compresa.

Se hai trovato interessante questo contenuto, ti invitiamo a leggere anche: Che carattere ha il Bouledogue Francese?

Lascia un commento