Conoscevi la passione di Andy Warhol per i gatti? Pare ne possedesse ben 25, tutti di nome Sam, protagonisti di molti suoi dipinti.

25 Settembre 2022 di Redazione

Tutti conosco Andy Warhol per essere uno degli artisti simbolo del Novecento, per i suoi ritratti di Marilyn Monroe ed Elvis o per le sue famose bottiglie della Coca-cola riproposte in modo seriale. Ma in pochi conoscono la sua passione gattofila. Ve la raccontiamo noi!

Ecco quanti gatti aveva Andy Warhol

Per Warhol il multiplo era tutto ed era consapevole che “la ripetizione aggiunge reputazione”. Ovviamente quando si parla di Andy Warhol subito vengono alla mente i suoi ritratti di Marilyn Monroe, Jackie Kennedy ed Elvis. Ma anche le famose scatole delle zuppe Campbell o le bottiglie della Coca Cola riproposte in modo seriale e ripetitivo trasformate però in “altro” grazie all’uso del colore. Tuttavia, le sue opere più famose, quelle realizzate nelle sue famose Factory, fanno passare in secondo piano molte delle sue prime opere.

Opere che avevano come protagonisti proprio i suoi amici gatti. Warhol era infatti un gattaro appassionato e, quando negli anni Cinquanta, viveva con sua madre condivideva l’appartamento con ben 25 gatti tutti di nome Sam.

Un libro unico dedicato ai suoi amici pelosi

All’epoca Warhol era solo un giovane illustratore per bambini e, per raccontare questa sua passione, nel 1954, pubblicò un libricino, ora molto raro e valutato anche 60mila dollari. Il titolo era: “25 Cats Name Sam and One Blue Pussy” per il quale realizzò 16 litografie, non 25 come potrebbe suggerire il titolo.

Il libro non ebbe un grande successo ma era in vendita al “Serendipity”, la prima coffe house newyorkese. Il libro venne anche usato come regalo per gli amici e come presentazione del suo lavoro a editori e agenzie pubblicitarie.

Per disegnare i mici del libro Warhol studiò sicuramente i suoi animali domestici. Ma, come ammise, si ispirò a un libro fotografico che lesse quando negli anni Trenta fu costretto a letto per una malattia. Il libro si intitolava “Sam”, da qui forse la sua passione per quel nome, ed era stato realizzato dal fotografo di origine ucraina naturalizzato americano, Walter Chandoha definito l’Avedon dei gatti, e autore di migliaia di foto di animali.

La serie di litografie del libro segna un’importante svolta nella carriera di Warhol e mostra il suo uso ingegnoso del colore. I gatti pubblicati nel libro sono ritratti come silhouette, sono colorati ad acquerello in colori vivaci. I gatti della serie variano dal rosa fucsia (Sam 51) al giallo brillante (Sam 58), il micio più famoso della serie, dall’elegante rosso mattone (Sam 65) al più tradizionale tabby (Sam 54). Per arrivare infine all’One Blue Pussy del titolo del volume ma conosciuto anche come Sam 68.

Vuoi conoscere di più della passione di Andy Warhol per gli animali? Sull’ultimo numero di Gatto Magazine, disponibile in edicola o in digitale, trovi un approfondimento dedicato!

Se hai trovato interessante questo contenuto, ti invitiamo a leggere anche: Chi è il “First Pet” della Casa Bianca?

Lascia un commento