Scopri il significato del latrato del cane, un suono particolare che assomiglia a un abbaio ma che in realtà... è molto di più!

14 Maggio 2022 di Redazione

Parliamo di un suono particolare che non rientra nella categoria dell’abbaio, anche se gli somiglia, e non appartiene a tutti i cani. In particolare, i “professionisti” del latrato sono i cani da caccia e nello specifico sono i segugi i campioni indiscussi di questa specialità vocale.
Ma qual è il significato del latrato del cane? Scopriamolo insieme.

Latrato, molto più di un abbaio

Il suono è particolare perché sembra un ululato interrotto da picchi più alti e più bassi e, in genere, è costituito da più voci, come se fosse una specie di “coro”. Lo possiamo sentire facilmente, anche perché arriva molto lontano, quando in zona ci sono gruppi di cani da caccia. In linguaggio tecnico vengono definiti una “muta” al lavoro.

I segugi sono cani specializzati nel seguire una traccia, di solito di un animale selvatico. Ma non sempre, visto che alcuni vengono addestrati per trovare persone scomparse e quelli che lavorano a caccia lo fanno generalmente in gruppo. La “muta” emette latrati sempre più eccitati e differenziati via via che si avvicina all’obiettivo. Essendo così potenti, questi suoni guidano i cacciatori verso la preda: ecco perché sono così forti.

Tra i cani che latrano con forza ci sono anche razze da compagnia ma che, in realtà, hanno le stesse doti dei segugi da caccia: Beagle e Bassethound.

Altri significati del latrato

Secondo diversi studiosi, oltre a servire al cacciatore per capire dove si trovano i cani e quindi la preda, il latrato servirebbe anche alla comunicazione tra i diversi cani della muta. I suoni fungono da segnali che ciascun soggetto emette per dire agli altri, per esempio, di aver scovato la traccia e di seguirla insieme a lui. Un vero e proprio discorso collettivo in pieno movimento, indirizzato ai compagni di lavoro a quattro zampe e solo in secondo luogo al cacciatore.

Se hai trovato interessante questo argomento, ti invitiamo a leggere anche: Il linguaggio del ringhio nel cane.

Lascia un commento