Olfatto dei cani: ecco le nuove incredibili scoperte


cane annusa
Foto a cura di Nathalie Spehner via Unsplash

Che i nostri cani, oltre che fedeli amici, fossero anche abili segugi è cosa risaputa. Ma uno nuovo studio dell’Università di Alberta ha voluto indagare quanto è davvero sensibile l’olfatto dei cani. Si è scoperto così che quest’ultimo è in grado di rilevare tracce di acceleranti, come la benzina, in quantità pari a un miliardesimo di cucchiaino da tè. Quest’indagine, condotta in collaborazione con Jeff Lunder, vicepresidente dei Fire Dogs della CADA e finanziata da NSERC, ha un impatto estremo sul mondo reale: basti pensare alle implicazioni per le indagini sugli incendi dolosi.

Robin Abel, dottorando per il Dipartimento di Chimica e principale autore della ricerca spiega che

Durante un’indagine su un incendio, un cane può essere usato per identificare i detriti che contengono tracce di liquidi infiammabili – il che potrebbe sostenere un’ipotesi che un incendio sia stato di tipo doloso.

Ovviamente, scherza Abel, un cane non può far da testimone in tribunale, e quindi i detriti devono essere comunque analizzati in laboratorio. Ma con il vantaggio di sapere già che si è alla ricerca di tracce di incendio doloso.

Foto a cura di Will Malott

Lo studio ha coinvolto due team formati, rispettivamente, da un cane e un conduttore. Il primo cane era stato addestrato per trovare tracce di vari liquidi infiammabili, mentre l’altro principalmente per rilevare benzina. I risultati hanno mostrato come il primo fosse in grado di localizzare tutti gli acceleranti, mentre il secondo non riuscisse a individuare altri liquidi a bassa concentrazione eccetto che la benzina.

Un altro risultato dello studio è la creazione di un protocollo utile a generare “substrati ultra-puliti” che servono a valutare le performance del cane nella detenzione di tracce. In altre parole, James Harynuk, professore associato di chimica e supervisore di Abel, ci spiega come in questo campo i cani siano spesso più sensibili rispetto ai test convenzionali: in alcuni casi i detriti da loro localizzati sono infatti poi risultati negativi in laboratorio. Da qui sorge la necessità di valutare i cani per poterne eguagliare le prestazioni.

Dunque, questa ricerca mette in luce la straordinaria capacità dei nostri amici a quattro zampe. E per chi non fosse interessato a cercare tracce di incendi dolosi, niente paura: il super olfatto funziona anche per le tracce di tartufo!

Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!