Cane al pronto soccorso veterinario sotto effetto di droghe


Cane al parco mangia droga e finisce al pronto soccorso

Il piccolo Paco stava correndo nel parco, quando si è infilato in un cespuglio e ha mangiato qualcosa di strano. Poche ore dopo Paco era al pronto soccorso veterinario perché il cane era sotto effetto di droghe. A raccontare l’accaduto è Manuela, padrona di un Golden Retriever di 7 anni con cui va spesso a giocare e far scorrazzare il suo cane al parco Sempione, a Milano.

Gli spacciatori, per evitare di essere sorpresi, nascondono la droga nei cespugli. Lo afferma la polizia locale del Comune. Appena Paco è tornato a casa ha iniziato a barcollare, le pupille erano dilatate e così è stato portato nell’immediato dal veterinario. Purtroppo per i cani non esiste una cura specifica per gli stupefacenti. L’unica soluzione è che gli effetti scompaiano da soli, esattamente come avviene per gli umani.

Il caso di Paco non è un caso isolato, ma d’estate è molto frequente

Il caso di Paco, non è affatto di un caso isolato, a testimoniarlo sono i vari racconti di alcuni veterinari di Milano. I cani arrivano presentando tutti gli stessi sintomi: barcollanti, pupille dilatate, spesso abbaiano o ululano nel vuoto, come se stessero vedendo delle cose tutte loro. Non è certo una casualità il fatto che tutti questi cani, nelle ore precedenti si trovavano al parco Sempione. A quanto pare ultimamente è capitato di meno, ma durante la stagione estiva è abbastanza frequente.

Lo spaccio di stupefacenti nel parco Sempione, però, resta un problema, ma non è facile fermarlo. I pusher nascondono i panetti e li prendono quando devono venderli. L’unica cosa possibile è controllare ciclicamente il parco con i cani antidroga.
Commenta via Facebook

Like it? Share with your friends!